chi sono

CHI SONO

Mi presento:

mi chiamo Carlo, sono più Modenese di una bottiglia di Lambrusco e sono nato a notte fonda del 6 Giugno 1984.
Sono fantasioso e creativo da quando ero un bambino col testone e cercavo di riprodurre i lavoretti di Dodo dell’Albero Azzurro. Non lo dico per lodarmi, ma perché di fatto è sempre stata la mia unica vera dote, quella cosa a cui aggrapparsi nei momenti fisiologici di insicurezza.

E così ho studiato Design a Milano, ho fatto il grafico e poi ho capito che la mia passione per i supermercati, il piacere di mangiare e la curiosità per la cultura del cibo dovevano diventare in un qualche modo il mio lavoro. Perché il lavoro non può essere solo quello che ti permette di mangiare, ma soprattutto la cosa che ti rende orgoglioso di fare quello che fai, che ti da un ruolo ben preciso nel mondo.

Un po’ con qualche corso e un Master, un po’ con letture spasmodiche di libri sul tema, mi sono specializzato sulla comunicazione dei prodotti alimentari.

Fate un saltino sulla mia pagina, per farvi un’idea migliore di quello che faccio 🙂

Ok, ma in che cosa posso servirvi?

Sono qua per raccontarvi un mondo, quello del bel cibo e del buon cibo, delle cose #supercarine da mangiare e da guardare, lo voglio raccontare sia a tutti quelli che hanno una loro attività che ha a che fare con il cibo e l’ospitalità, sia a quelli che magari ci stanno facendo un pensierino. Ma anche a chi, come me, s’illumina d’immenso quando visita aziende agricole, negozi gourmet e trattorie tipiche. Voglio fornirvi ispirazione, stimolarvi idee.
In fondo, ci sono poche certezze nella vita, una di queste è che tutti abbiamo bisogno e voglia di mangiare 🙂

Una cosa è certa e i dati parlano chiaro. Sia che si stia parlando di packaging, che di arredo di un bistrot o di un bed&breakfast, quando una persona ha a che fare con il cibo ciò che conta di più è la così definita  food experience.
E’ un concetto impalpabile, indefinibile, ma la si può descrivere come quell’insieme di valori che concorrono a formare l’esperienza dell’utente quando ha a che fare col cibo, in cui tutti i sensi sono coinvolti, nessuno escluso.

Se la food experience è efficace e piacevole, il cliente vorrà ripetere l’esperienza e la consiglierà agli amici.

Unitevi a celebrare il mondo del #supercarino!!!

No Comments

Leave a Reply